La Restrizione dietetica potrebbe migliorare gli effetti della chemioterapia nel tumore del seno

RICEVIAMO E CON PIACERE DIFFONDIAMO

 

Alimentazione e tumori femminili: il ruolo della restrizione dietetica nella paziente oncologica è un campo di studio promettente nonostante i lavori pubblicati siano pochissimi. 

In quest’ambito i primi studi sono stati svolti su lieviti, poi su animali. Gli studi sull’uomo sono invece pochissimi e fatti con pochi soggetti. Un gruppo in studio aveva solo una paziente con tumore al seno; è stata però osservata una diminuzione degli effetti collaterali da chemioterapia a carico dell’apparato gastrointestinale. Infatti è possibile che il digiuno diminuisca l’usura delle cellule dell’epitelio intestinale, riducendo la loro duplicazione; questo porta le cellule a una minore esposizione al danno del chemioterapico, dal momento che esso agisce maggiormente nelle cellule che si stanno replicando.
Si sta valutando la partecipazione a uno studio su donne con tumore alla mammella metastatico.   lo studio riunisce una rete di ricercatori del Canton Ticino con la finalità di valutare se una alimentazione specifica durante la cura può favorire la riduzione delle metastasi. In letteratura c’è solo uno studio, effettuato su 10 soggetti ospedalizzati, ognuno con tumori diversi, sottoposti a un regime di digiuno vero e proprio.  Un’impostazione   , che utilizzerebbe la dieta che mima il digiuno. Le pazienti saranno suddivise in due gruppi: uno seguirà una dieta adeguata (formulata anche sulla base di ricerche che abbiamo già pubblicato, e secondo le indicazioni del Codice Europeo Contro il Cancro), l’altro seguirà una dieta chetogenica sbilanciata nei grassi, a bassissimo contenuto di carboidrati e di proteine.
Quali sono i meccanismi di base?
Nella comunità scientifica i dati preliminari hanno suscitato molto interesse. Poiché il digiuno attiva le stesse vie dei farmaci chemioterapici, c’è il sospetto che una “dieta mima digiuno” possa essere di aiuto e favorire una risposta migliore al farmaco, specialmente quando è necessario ricorrere ad una seconda linea di trattamento. Molti centri di ricerca, fra i più prestigiosi, stanno promuovendo studi in questa direzione.

Il cammino è ancora molto lungo.
cropped-logo-smep.jpg

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...