Un farmaco per l’osteoporosi potrebbe proteggere dal tumore al seno

RICEVIAMO E CON PIACERE DIFFONDIAMO

Immagine incorporata 2

Alcuni ricercatori australiani hanno scoperto che il denosumab (Prolia, Amgen), un farmaco in commercio per l’osteoporosi, potrebbe svolgere un ruolo protettivo contro il tumore al seno nelle donne portatrici di difetti del gene BRCA1. Se confermato, lo studio, pubblicato su Nature Medicine e coordinato da Jane Visvader e Geoffrey Lindeman, della Stem Cells and Cancer Division al Walter and Eliza Hall Institute of Medical Research (WEHI) in Australia, potrebbe delineare un’opzione non chirurgica per prevenire il cancro al seno nelle donne a elevato rischio genetico. In sintesi, il lavoro dei ricercatori australiani suggerisce che un aumento dell’espressione della proteina RANKL, ossia il ligando di RANK, un fattore chiave per la differenziazione degli osteoclasti, è implicato nello sviluppo del cancro al seno.

E che denosumab, un anticorpo monoclonale diretto proprio contro RANKL, potrebbe avere un effetto protettivo contro questo tipo di tumore. «A questo proposito abbiamo studiato l’effetto che l’inibizione di RANKL ha sugli elementi (cellule) precursori del cancro nel tessuto mammario con mutazioni del gene BRCA1» spiega Visvader, che assieme ai colleghi ha dimostrato in laboratorio che l’inibizione di RANKL blocca lo sviluppo del cancro. «Dallo studio emerge come il sistema del ligando di RANK possa costituire un importante mediatore nella genetica del cancro al seno, costituendo in futuro una valida opzione per una prevenzione farmacologica del tumore nelle donne ad alto rischio» riprende l’autrice, precisando tuttavia che serviranno ulteriori studi per confermare questi risultati. «È eccitante pensare che potremmo essere sulla strada per scoprire il Santo Graal della ricerca sul cancro. La speranza è che possano presto iniziare studi clinici con denosumab per vedere se quanto suggerito dal modello sperimentale è applicabile anche nell’uomo» conclude Lindeman.

Nat Med. 2016. doi: 10.1038/nm.4118
http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/27322743

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...