Ao Alessandria. Parrucche per le donne in chemioterapia. Nuova iniziativa di Zonta Club e Associazione Bios

[Riceviamo e con piacere diffondiamo]

Con piacere pubblichiamo questa iniziativa che ebbe il suo primum movens nel 2008 presso il Dipartimento di Oncologia del Fatebenefratelli – Isola Tiberina di Roma.

L’iniziativa fu congiunta fra i Volontari dell AVOF e il Servizio di Medicina Estetica Palliativa che nel 2012 ha dato vita alla Società di Medicina Estetica Palliativa (SMEP) e nel 2016 al Master Universitario in Medicina Estetica Palliativa.

Il motore dell’iniziativa ” Parrucca?…parliamone”  furono Valentina Cossaro,  presidente AVOF dell’epoca, e la Dott Gloriana Assalti, Vice presidente SMEP. Le parrucche erano donate all’AFO da quante uscivano dalla terapia e date come testimone per affermare:” io ne sono uscita….”  Siamo lieti di questo proselitismo realizzato.

Zonta Club Alessandria interverrà economicamente con un contributo del 30-50% sull’acquisto di una parrucca. Alessandria. Bios si occuperà del contatto diretto con le pazienti. L’iniziativa servirà ad aprire la strada alla creazione di una “Banca della Parrucca”.

11 GEN – “Le donne che si sottopongono a cure chemioterapiche hanno il diritto di sentirsi belle. La caduta dei capelli può compromettere la percezione di sé. Zonta Club Alessandria offre il suo contributo pensando al benessere psico-fisico delle donne ammalate di tumore affinché non venga mai a mancare la fiducia in se stesse, la propria autostima. Una bella parrucca, un foulard elegante, dai colori vivaci,  può fare la differenza”. Così Gabriella Daini, presidente del Club, ha spiegato le ragioni della nuova iniziativa di cui beneficeranno le pazienti oncologiche dell’Azienda Ospedaliera di Alessandria. L’iniziativa è stata presentata alla presenza di Gianmauro Numico, Direttore del Dipartimento Internistico Strutturale.
“Ogni hanno – spiega l’Ao in una nota – circa 400 donne della nostra città sono sottoposte ad un trattamento di chemioterapia. Una parte dei trattamenti provoca la caduta dei capelli, un effetto collaterale dei farmaci che non è grave di per sé ed è sempre reversibile dopo la fine delle terapie. Tuttavia, costituisce sempre un cambiamento significativo del proprio corpo, dell’immagine che la donna ha di se e in molti casi influisce in modo determinante sulle relazioni familiari e sociali. La caduta dei capelli va così ad aggiungersi alla sofferenza per una diagnosi difficile e per un percorso di cura attraversato da mille problemi”

“Ecco perché l’iniziativa di Zonta Club Alessandria a favore delle donne che ricevono un trattamento chemioterapico è un segno di attenzione e di delicatezza di grandissimo valore. Rappresenta il messaggio, come dice il titolo dell’iniziativa, che si può non smettere di essere belle anche in un momento così travagliato; che la cura del proprio corpo è importante ed è in grado di restituire alla donna dignità, senso di appartenenza alla comunità. E’ il segno dello stringersi intorno a chi vive questa esperienza perché si possa sentire meno sola, più attrezzata ad attraversare il percorso di cura” ha detto Numico.

Zonta Club Alessandria interverrà economicamente con un contributo del 30-50% sull’acquisto di una parrucca.

“L’idea di questo service ci è venuta per eliminare una preoccupazione. In un momento di grave fragilità come quello vissuto dalle donne che lottano contro il cancro, il costo di una parrucca può essere fonte di ulteriore disagio. Le donne malate devono avere un solo pensiero, quello di guarire, prima possibile. Un nostro aiuto può evitare uno sforzo finanziario importante. Perché non è affatto vero che le parrucche debbano per forza costare cifre a due o tre zeri” afferma Geromina Benso, presidente del Comitato Service di Zonta.

Partner del service sarà Viro accademia per acconciatori  di Via Milano 21.

Zonta sarà coadiuvato dall’Associazione Bios, Donne operate di tumore al seno, associazione che fu la prima –  nel settembre 2000 –  a beneficiare del sostegno di Zonta dopo la sua fondazione in Alessandria. Bios si occuperà del contatto diretto con le pazienti, informandole sulla possibilità di usufruire dell’aiuto economico di Zonta Club Alessandria nell’acquisto della parrucca e fisserà gli appuntamenti per la consulenza presso la scuola per acconciatori riconosciuta dalla Regione Piemonte.

“Abbiamo scelto Viro per la qualità delle sue parrucche, per l’assistenza in grado di fornire alle pazienti e soprattutto per i costi molto contenuti. Aiutare le donne significa anche consigliarle, al meglio, facendo conoscere loro professionisti che applicano tariffe oneste per un prodotto utilizzato non per vezzo ma per necessità” afferma Nadia Biancato, responsabile advocacy di Zonta Club Alessandria che, grazie alla sua onlus “Le Rose Gialle di Alessandria” propone anche un’alternativa: la bandana o il foulard. “Chi non è interessata ad una parrucca oppure vuole un’alternativa in grado di valorizzare la sua femminilità, può ritirare presso Bios o Viro un foulard omaggiato da Zonta in cambio di una piccola donazione alla nostra onlus al fine di poter continuare a sostenere il service “Sempre belle” fino a giugno 2018”.

Da questa esperienza vuole nascere anche ad Alessandria la “Banca della Parrucca” e sarà Bios a portarla avanti. “Invitiamo tutte le donne che beneficeranno dell’aiuto di Zonta a restituire la parrucca quando non servirà più. Grazie a Viro potremo sanificare e riciclare le parrucche mettendole a disposizione di chi ne avrà bisogno. Ma fin d’ora possiamo rivolgere a tutte le donne che hanno superato la malattia a non lasciare in un armadio il ricordo di un periodo infelice, a donare la loro parrucca affinché la si possa mettere a disposizione di chi ne ha oggi la necessità” dichiara Marta Martini, presidente dell’Associazione Donne Operate al Seno.

“Come operatori sanitari rivolgiamo un ringraziamento sentito a tutti coloro che hanno reso possibile questa iniziativa. Innanzitutto a Zonta Club, che ha ideato il progetto e si  impegna nella raccolta dei fondi. L’associazione BIOS, che da molti anni sostiene i pazienti che si rivolgono al nostro Centro per i trattamenti oncologici, e Vi.RO, per la sensibilità dimostrata e il concreto spirito di collaborazione. Ci sentiamo orgogliosi di lavorare in un contesto in cui la società civile, nelle sue migliori espressioni, non è sorda alla sofferenza. Tutto ciò rende il nostro impegno meno gravoso e soprattutto riduce l’impatto negativo della malattia e dei suoi trattamenti su tante persone. Grazie, quindi, a tutti coloro che si sono impegnati in prima persona in questa impresa e a tutti coloro che nei modi più diversi vorranno farlo di qui in poi” conclude il dr. Gianmauro Numico.

Il servizio “Sempre belle” sarà attivo da fine gennaio  rivolgendosi alle volontarie di Bios, attive tutte le mattine presso il padiglione Fiandesio. Chi volesse contribuire al progetto può fare una donazione (deducibile dalle imposte) a: Le Rose Gialle di Alessandria onlus, iban  IT55 K031 5801 600C C101 0041 830 indicando come causale “sempre belle”.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...