Sindrome di burnout. Se i medici non “sentono la vocazione” i pazienti non guariscono

[Riceviamo e con piacere diffondiamo]

L’esaurimento emotivo dei medici può avere gravi ripercussioni sulla guarigione dei pazienti e fa aumentare gli errori e lievitare i costi. L’american Medical Association ha valutato il livello di stress dei camici bianchi con un questionario.

20 FEB – (Reuters Health) – Secondo un recente studio dell’American Medical Association (AMA) pubblicato da Mayo Clinic Proceedings, i medici sopraffatti dal burnout curano peggio i loro pazienti. Come è noto le professioni con un grosso impegno assistenziale possono comportare un notevole stress emotivo, con un esaurimento dell’operatore stesso. Il professionista va incontro a una sindrome da burnout’caratterizzata da esaurimento emotivo, perdita del senso della propria identità e riduzione della soddisfazione professionale.

Lo studio ha dato evidenza al fatto che il burnout dei medici è collegato a una ridotta soddisfazione dei pazienti, a un aumento degli errori e a costi sanitari più elevati, . “Se i medici vedono la loro professione come un’occupazione qualunque nel tempo si riflette in termini di impegno verso pazienti”, osserva l’autore principale dello studio Audiey Kao, vice presidente della commissione etica presso l’American Medical Association (AMA). “Ecco perché ci siamo dedicati ad osservare e approfondire l’identità del lavoro o il senso della vocazione del medico e ciò che può minare o sostenere questo concetto”, ha aggiunto Kao.

Lo studio 

Il gruppo di studio ha intervistato più di 2.000 medici degli Stati Uniti aderenti a tutte le specialità. I medici, reclutati da un database di AMA, hanno completato le indagini rispondendo ad un questionario inviato per posta, nel periodo tra ottobre 2014 e maggio 2015. I partecipanti hanno valutato il loro livello di burnout su una scala da 1 a 5, con punteggi di 1 e 2 che indicano sintomi di burnout. I medici hanno risposto anche a domande vero/falso per valutare se consideravano la loro professione come una vocazione, ad esempio, se avessero un forte desiderio di impegnarsi per tutta la vita a fare questo lavoro. Si è così dapprima evidenziato che le risposte inerenti la medicina come “una vocazione” erano molto variabili.

Oltre il 93% dei medici hanno trovato il loro lavoro gratificante, mentre solo il 44% ha detto che avrebbero continuato il loro lavoro senza retribuzione, se non avessero avuto bisogno di soldi. Va detto che i medici con prevalenti sintomi di burnout, erano anche più propensi a rispondere “falso” alle domande sul fatto che consideravano il loro lavoro come una vocazione. Per esempio, tra i medici che non presentavano sintomi di burnout che hanno goduto del loro lavoro, il 93% ha detto che avrebbe scelto ancora una volta la stessa vita lavorativa, mentre meno di un terzo dei medici nella categoria più insoddisfatta ha detto lo stesso. I medici con il massimo grado di burnout avevano probabilità molto scarse di considerare gratificante il loro lavoro, o come una delle cose più importanti nella loro vita e come qualcosa che stesse migliorando la loro posizione nel mondo.

“Il significato del lavoro nell’assistenza sanitaria sta cambiando drammaticamente, nel bene e nel male, e così i cambiamenti influiscono su come i medici vedono il loro lavoro ogni giorno e quindi sulla loro identità nel lavoro”, ha osservato Kao. Un cambiamento comune è, per esempio, che i medici sono sempre più sopraffatti dagli impegni burocratici e di ufficio, nella loro professione, il che può influenzare la percezione del proprio lavoro, ha aggiunto. “Avere dei medici che vedono il loro lavoro con un senso di vocazione, non è importante solo per i medici, ma è altrettanto importante, se non più importante ,per i pazienti che devono curare”, ha concluso Kao.

Fonte: Mayo Clin Proc 2017

Madeline Kennedy

(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...